Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia: Sacro Monte di Orta

Voti, Commenti e Esperienze utente
Dai una valutazione (da 1 a 5)
0.000
Luogo
3 Via al Sacro Monte
Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia: Sacro Monte di Orta
Data iscrizione: 2003
Ref. 1068rev

Luogo facente parte del sito multiseriale: Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia

Il sito multiseriale è costituito dai seguenti siti (9 siti):

ID Name & Location State Party Coordinates Property Buffer Zone
1068-001 Sacro Monte o “Nuova Gerusalemme” di Varallo Sesia Italy N45 49 7.00
E8 15 17.00
5.4 ha 26.1 ha
1068-002 Sacro Monte di S.Maria Assunta di Serralunga di Crea Italy N45 5 41.00
E8 16 11.00
8.9 ha 24.1 ha
1068-003 Sacro Monte di San Francesco d’Orta San Giulio Italy N45 47 51.80
E8 24 39.70
14 ha 7.5 ha
1068-004 Sacro Monte del Rosario di Varese Italy N45 51 37.30
E8 47 35.60
14.6 ha 32.6 ha
1068-005 Sacro Monte della Beata Vergine, Oropa Italy N45 37 43.00
E7 58 41.00
15.4 ha 49.6 ha
1068-006 Sacro Monte della Beata Vergine del Soccorso, Ossuccio Italy N45 58 28.40
E9 10 10.40
ha ha
1068-007 Sacro Monte della SS.Trinità, Ghiffa Italy N45 57 49.00
E8 36 54.00
11 ha 210 ha
1068-008 Sacro Monte Calvario, Domodossola Italy N46 6 20.00
E8 17 13.00
3.6 ha 41.4 ha
1068-009 Sacro Monte di Belmonte, Valperga Canavese Italy N45 22 0.00
E7 37 53.00
14.6 ha 321.6 ha
Mappa multimediale con tutti i siti interessati: Mappa Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia

 

Descrizione:

Il Sacro Monte di Orta sorge sulla collina che si eleva al centro della penisola di Orta San Giulio, situata sulla riva orientale del Lago d’Orta. Fu realizzato su emulazione del Sacro Monte di Varallo e si inserisce nelle realtà sorte sulla spinta della controriforma per contrastare la presenza luterana.

Fu edificato in tre distinti periodi, tra il 1590 e il 1785[2]. Nel 1583 la comunità ortese decise di erigere sulla “Selva di San Nicolao”, luogo dove sorgeva una chiesa omonima[3], un insieme di cappelle e un convento destinato ad accogliere, per volontà di San Carlo Borromeo e dall’Abate novarese Amico Canobio, i frati francescani cappuccini. Il primo finanziatore fu il novarese Amico Canobio, abate commendatario del monastero di San Bartolomeo di Vallombrosa a Novara, a cui fece seguito la comunità ortense e altri benefattori. Lo schema dell’impianto del Sacro Monte fu progettato da Padre Cleto di Castelletto Ticino, architetto e frate cappuccino, presente ad Orta tra il 1590 e il 1616[4], che progettò il rifacimento della chiesa, il convento e la maggioranza delle cappelle. Queste, secondo il progetto iniziale, avrebbero dovuto essere 33 (secondo altri alcuni documenti 36).

I lavori per la costruzione del convento cominciarono nel 1590 e nel 1591 si diede inizio alla costruzione della prima cappella, la XX (La canonizzazione di San Francesco). Il Vescovo di Novara, Carlo Bascapè – interprete fedele del magistero di San Carlo Borromeo – tra il 1593 ed il 1615 diede un decisivo impulso ai lavori del Monte, seguendo personalmente sia gli aspetti organizzativi sia il programma iconografico della decorazione delle cappelle. A lui venne dedicata la terza cappella, che ne riprendeva la figura come Vescovo di Assisi.

In una prima fase costruttiva che arriva sin quasi alla metà del Seicento operarono artisti che godevano della personale fiducia di Bascapè e dei suoi immediati successori, sia in relazione all’attività già svolta presso il Sacro Monte di Varallo, sia in virtù della reputazione acquisita nel ducato milanese. Vanno ricordati fra di essi gli scultori Giovanni d’Enrico e Cristoforo Prestinari, ed i pittori Giovanni Battista e Giovanni Mauro della Rovere detti i Fiammenghini. Sempre tra i pittori, l’assenza qui di Giovanni Battista Crespi detto il Cerano, presente invece al Sacro Monte di Varallo, è però compensata dalla presenza di Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone e di Antonio Maria Crespi, quest’ultimo della famiglia dei Crespi Castoldi, imparentata con lo stesso Cerano e proveniente da Busto Arsizio, da cui il soprannome per l’artista de “il Bustino”.

Nella seconda metà del Seicento, con una accentuazione del gusto barocco, troviamo attivo come scultore Dionigi Bussola, protostatuario del Duomo di Milano e grande interprete dei moduli artistici propri dei sacri monti (oltre ad Orta, fu attivo anche a Varallo, Varese e Domodossola)
Milanesi erano anche i fratelli Carlo Francesco e Giuseppe Nuvolone, pittori (cappelle X, La vittoria di San Francesco sulle tentazioni e XVII, La morte di San Francesco) A partire dalla fine del secolo, lasciò una nuova e diversa impronta stilistica il pittore Stefano Maria Legnani; poi, nella prima metà del Settecento, altri artisti milanesi: lo scultore Carlo Beretta e il pittore Federico Bianchi.

(Fonte: whc.unesco.org/)

Link whc.unesco.org: http://whc.unesco.org/en/list/1068/

Inserimento scheda: Ignazio Caloggero

Foto: Di Diego Bonacina – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=62444346

Contributi informativi:  Ignazio Caloggero, whc.unesco.org

Informazioni sulla geolocalizzazione e sul tragitto per raggiungere il luogo
Visualizza il luogo con Street View (se presente). Pertinente solo se riferito a beni tangibili con indirizzo associato.
Luogo
Invia una comunicazione all'autore della pubblicazione