Scheda Programma Memoria del Mondo

Scheda  Programma Memoria del Mondo

(Scheda elaborata a cura di Ignazio Caloggero)

Memoria nel Mondo

Memoria del mondo (in inglese Memory of the World) è un Programma dell’UNESCO fondato nel 1992 e volto a individuare e tutelare archivi e documenti storici.Vi sono inclusi raccolte di testi, manoscritti, spartiti, documenti storici unici, immagini, registrazioni e filmati. Il programma è nato a seguito della  crescente consapevolezza della condizione di difficile conservazione e accesso al patrimonio documentario in varie parti del mondo. Guerra, conflitti sociali sconvolgimenti sociali  e una grave mancanza di risorse, hanno peggiorato problemi che esistono da secoli. Importanti collezioni di tutto il mondo hanno subito destini avversi, saccheggi, dispersione, commercio illegale, distruzione, un sistema di conservazione inadeguata hanno tutti giocato un ruolo decisivo nel processo di deterioramento del patrimonio documentario, gran parte di esso è scomparso o in pericolo, a volte, fortunatamente, una parte di questo patrimonio documentario viene riscoperto.

La “vision” della memoria del Programma Memoria del Mondo e è che il patrimonio documentario del mondo appartiene a tutti, deve essere pienamente preservata e protetta per tutti e, con il dovuto riconoscimento dei costumi culturali e delle consuetudini di ciascuna nazione, dovrebbe essere costantemente accessibili a tutti senza ostacoli.

La “mission” del Programma Memoria del Mondo è:

Facilitare la conservazione del Patrimonio documentario mondiale attraverso le tecniche più appropriate di preservazione.

Assicurare l’accesso universale al patrimonio documentario. Ciò comprenderà incoraggiamento a fare copie digitalizzate e cataloghi disponibili su Internet, così come la pubblicazione e distribuzione di libri e altri prodotti multimediali nel rispetto dei limiti legislativi sull’accessibilità degli archivi e dei diritti di autore

Uno dei mezzi utilizzati per il raggiungimento degli obiettivi del Programma è l’istituzione del Registro della Memoria del Mondo istituito in base agli orientamenti generali delle Linee Guida  istituite nel 1995 che elenca il patrimonio documentario. Le Linee Guida sono attualmente aggiornate al 2012.

Per l’attuazione del Programma sono stati istituiti il “Segretariato del Programma Memoria del Mondo a cura  della Knowledge Societies Division (KSD) dell’UNESCO ed il Comitato Consultivo Internazionale “International Advisory Committee (IAC)” che si occupa della pianificazione e dell’attuazione del Programma. il Comitato IAC si compone di 14 membri nominati dal Direttore Generale dell’UNESCO, e scelti per la loro autorità nel campo della salvaguardia del patrimonio documentario. Il Comitato è convocato in sessione ordinaria ogni due anni. Per l’attuazione del Programma sono previsti inoltre dei sub comitati  e comitati regionali e nazionali. Infatti il programma prevede di incoraggiare i progetti e le attività, non solo da una prospettiva globale, ma anche da quelle regionali, nazionali e locali.

I Comitati Nazionali della Memoria nel Mondo sono enti autonomi con propri termini di riferimento e le loro regole di appartenenza e di successione. Per avere diritto ad utilizzare il nome ed il logo mondiale del programma  devono essere accreditati dalla Commissione Nazionale UNESCO.

Il Registro della Memoria del Mondo, al 2015 contiene circa 350 beni, 7 di questi riguardano l’Italia:

Biblioteca Malatestiana di Cesena (2005)

Collezione della Biblioteca Corviniana (transnazionale: Italia,  Austria, Belgio, Francia, Germania, Ungheria) (2005)

Archivio Storico Diocesano di Lucca (2011)

Archivio storico dell’Istituto LUCE (2013)

Codex Purpureus Rossaniensis (2015)

Collezione dei calendari lunari di Barbanera. (2015)

L’opera di Fray Bernardino de Sahagún (transnazionale: Italia, Mexico) (2015)

Scheda Programma Memoria del Mondo

Scheda  Programma Memoria del Mondo

Scheda  Programma Memoria del Mondo

Share